08 07 16 Stella Alpina risultato


100 sfumature 01 risultato

100 sfumature 02 risultato

100 sfumature 03 risultato

 


Montisola risultato


Museo Rimini

 

 

 

 


 

Dalla Storia a… La Leggenda di Bassano! Dal 16 al 19 giugno le più affascinanti auto da corsa della storia sulle più belle strade delle Dolomiti.

 

Bassano del Grappa (VI), 9 maggio 2016 – Da Bassano del Grappa (VI) a Merano (BZ) e ritorno, attraversando paesaggi da favola incastonati tra le splendide Dolomiti, le montagne più belle del mondo, patrimonio dell’UNESCO.

A solcare queste strade immerse in uno scenario unico saranno le più belle auto da corsa della storia, tutte Sport-Barchetta costruite fino al 1960. Vetture diventate immortali e che per questo entrano a pieno titolo ne “La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto”, gara di regolarità organizzata dal Circolo Veneto Automoto d’Epoca “Giannino Marzotto”, in programma dal 16 al 19 giugno 2016. Una nuova sfida per il Circolo che vanta 55 anni di esperienza e che è stato artefice di numerosi eventi di successo internazionale.

“La Leggenda di Bassano – spiega Stefano Chiminelli, Presidente del Circolo Veneto Automoto d’Epoca ‘Giannino Marzotto’ - è un evento unico nel panorama del motorismo storico internazionale, perché riservato a vetture Sport-Barchetta e perché coniuga luoghi incantati, auto da sogno e piloti straordinari. Un appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati, ma anche per tutti coloro che vedranno transitare nei loro paesi queste auto dal fascino intramontabile”.

Il fulcro della manifestazione sarà la città di Bassano del Grappa (VI), quartier generale di un percorso incantevole che attraverserà le Dolomiti e si spingerà fino all’Alto Adige, per poi tornare in terra vicentina.

 

Il programma.

 

La manifestazione si aprirà ufficialmente il 16 giugno con le verifiche sportive e tecniche a Cà Cornaro di Romano d’Ezzelino (VI), alle porte di Bassano del Grappa.

Il 17 giugno alle 13,30, sempre da Cà Cornaro, la partenza del primo concorrente alla volta di una delle perle delle Dolomiti, San Martino di Castrozza. Dopo aver superato il Passo Rolle, si scenderà a Cavalese e si raggiungerà Egna/Ora. Da lì si proseguirà attraversando il magico territorio, punteggiato di vigneti e frutteti, di Appiano sulla Strada del Vino, la più vasta zona coltivata a vigna dell’intero Alto Adige.

La prima giornata si concluderà nella magnifica Merano. Non una scelta casuale, perché nel 1953 vetture della stessa tipologia di quelle in gara oggi ne “La Leggenda” si sfidarono proprio a Merano nel Gp Supercortemaggiore. E la serata per i partecipanti si preannuncia  particolarmente suggestiva, perché la cena di gala sarà ospitata nel sontuoso salone delle feste dell’edificio più elegante della città, il Kurhaus.

Il 18 giugno la partenza da Merano sarà in una location da favola, ossia la Passeggiata Lungo Passirio. Le vetture si dirigeranno verso Passo Giovo e Vipiteno, sfiorando quindi l’Austria. Da Vipiteno saliranno al Passo Pennes e raggiungeranno la magnifica località di Sarentino e quindi Chiusa, Bressanone e Plose. Altro passaggio particolarmente evocativo sarà quello sul Passo delle Erbe, dominato dal massiccio dolomitico del Sass de Putia. Successivamente si scenderà a Corvara, per risalire il mitico Passo Pordoi (reso celebre soprattutto dalle imprese ciclistiche), raggiungere Canale d’Agordo e concludere la tappa a San Martino di Castrozza, con la cena di gala all’Hotel Savoia.

Gran finale il 19 giugno: partenza da San Martino di Castrozza per dirigersi verso Passo Croce d’Aune (stupendo scenario di numerose corse in salita), Feltre e Primolano. Alle 11 l’arrivo della prima vettura nel salotto di Bassano del Grappa, Piazza Libertà, dove le auto in sosta potranno farsi ammirare per oltre un’ora. Alle 12,15 la partenza alla volta del Castello Superiore di Marostica (altro luogo di impareggiabile fascino) per il pranzo e la cerimonia di premiazione.

 

I protagonisti.

 

Tra i vip che si metteranno alla guida dei bolidi in gara è sicuramente da menzionare Miki Biasion, due volte campione del mondo rally e oggi pilota di rally raid. Il parco partenti è poi di assoluto prestigio, con pezzi che hanno fatto la storia. Solo per citarne alcuni:

- Alfa Romeo 8C 2300 Le Mans del 1932, condotta da Frans Van Haren (Paesi Bassi)

-  Ferrari 225 S del 1952, con cui Vittorio Marzotto della Scuderia Marzotto vinse il Gp di Monaco (prima vittoria Ferrari nel Gp di Montecarlo), condotta da Josè M. Fernandez (Spagna)

-  Ferrari 340 MM del 1953 con cui Mike Hawthorn vinse il Gp di Silverstone del 1953, condotta da un collezionista svizzero di Ferrari

-  Ferrari 166 MM del 1953 proveniente da Auckland, condotta dal neozelandese Warren de France

-  Osca 1500 TN del 1956, vettura ufficiale della casa con cui corsero Gigi Villoresi e Luigi Musso, condotta dallo svedese Dan Hedborg

-  Maserati 200 SI del 1957 proveniente da Buenos Aires e condotta da Tomas Hinrichsen

-  Jaguar C-Type del 1953, condotta da Aubrey Finburgh (Inghilterra)

-  Cisitalia 202 SMM Nuvolari del 1948 con la prima targa originale di Ragusa, condotta da Mark Cooper

-  LaDawri 5700 del 1957, rarissima auto americana con quasi 500 cavalli di potenza

-  Alfa Romeo 1750 SS del 1929, auto della collezione del Museo dell’Esercito della Cecchignola, condotta dal Colonnello Luigi Cippitelli

 

I trofei.

 

Il Trofeo Giannino Marzotto riguarda la classifica generale: ai vincitori andranno due cronografi “Tazio Nuvolari” del main sponsor Eberhard. Il Trofeo al primo classificato degli equipaggi femminili è intitolato a Maria Teresa de Filippis, prima donna pilota in F1 recentemente scomparsa. Saranno assegnati anche il Trofeo di Club e il Trofeo Museo dell’Automobile “Bonfanti – Vimar” per la speciale classifica della tappa finale Bassano del Grappa – Marostica.


Imola cross 01 risultato

Imola cross 02 risultato


Stella Alpina 01 risultato

Stella Alpina 02 risultato


Veteran car club Bolzano 01 risultato 

 


 

 

 

 

stella alpina 2016

Comunicato stampa

Trento, Corvara e l’Alta Badia ancora grandi protagoniste nella 31.a rievocazione storica della Stella alpina in programma l’8, 9 e 10 luglio.

 

TRENTOLa partenza nel cuore del centro storico di Trento, il fascino dell’Alta Badia, un percorso di quasi 500 chilometri ispirato al glorioso passato, tracciato in un panorama senza eguali.

Lo staff della Scuderia Trentina Storica di Trento del presidente Enrico Zobele mantiene alto il livello della proposta ed anche per l‘edizione numero 31 della Stella alpina-Trofeo Azimut, gara di regolarità per auto d’epoca ante’71, le idee si sono tradotte in una full immersion nella bellezza ed unicità dei panorami del Trentino Alto Adige e del Bellunese, che verranno vissuti dagli equipaggi lungo un percorso di alto livello paesaggistico nelle Dolomiti, patrimonio dell'Unesco, al quale si aggiungerà ancora una volta una ospitalità diventata nel corso degli anni il marchio di fabbrica del sodalizio motoristico trentino.

 

Il percorso dell’edizione numero trentuno della classica trentina, che si svolgerà con strumentazione libera sotto l’egida di Acisport, vedrà come tradizione una prima frazione di gara al venerdì pomeriggio, un tappone dolomitico di vecchio stampo nella giornata di sabato, ed una tappa di rientro alla domenica agile ma ricca di emozioni ed impegno per gli equipaggi in gara.

 

La Stella alpina-Trofeo Azimut 2016 prenderà il via alle 16 di venerdì 8 luglio da piazza Cesare Battisti nel cuore nobile del capoluogo trentino dopo avere espletato le operazioni di verifica a Ferrari Incontri a Ravina di Trento, sede di rappresentanza delle Cantine Ferrari, prestigioso partner, assieme ad Azimut Wealth Management e Banca Galileo, della manifestazione.

In serata, dopo un centinaio di chilometri di percorso, la conclusione della prima tappa in piazza Walther a Bolzano, accolti dal Veteran Car Team, da dove le auto d’epoca in gara partiranno poi in carovana per raggiungere lo Chalet Gerard con vista sul Sassolungo per la cena a cui seguirà il trasferimento all’hotel Kolfuschgerhof a Colfosco per il pernottamento.

 

Sabato 9 luglio l’attesissimo, ed anche temuto da uomini e mezzi, tappone dolomitico di antica memoria, che vedrà auto ed equipaggi cimentarsi su di un percorso affascinante ed unico di 250 chilometri che, dopo lo start da Corvara porterà i partecipanti sul passo Falzarego, a Caprile, colle Santa lucia, passo Giau, Cortina d’Ampezzo, Pieve di Cadore, Forcella Cibiana, Zoldo, passo Duran, Agordo, Alleghe, passo Fedaia, Canazei, passo Pordoi, Arabba, passo Campolongo con arrivo verso le 18 nel centro di Corvara al quale seguirà la cena di gala all’hotel Kolfuschgerhof a Colfosco.

 

Domenica 10 luglio ultimo atto dell’edizione 2016 della Stella alpina-Trofeo Azimut. Da Corvara si salirà sul passo Gardena, sul passo Sella, per arrivare in val di Fassa e poi in val di Fiemme, si raggiungerà Cembra, Sover, Baselga di Pinè ed infine nuovamente a Ferrari Incontri per il pranzo e la cerimonia di premiazione.

Anche quest’anno le prove di abilità al centesimo di secondo saranno 99 alle quali si aggiungeranno anche tre prove di media con tre rilevamenti cadauna.

La quota di partecipazione è stata fissata in 1.600,00 euro per le auto storiche fino al 1971 e in 1.800,00 euro per quelle di annate successive.


Informazioni sulla manifestazione si potranno trovare sul sito dedicato www.stellaalpinastorica.it e alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. "> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Ufficio Stampa S.T.S.

Giorgio Lever

 

328/9220126

 


Calendario Panormus risultato

video bokep jepang

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Info